Il Canto del Risveglio

Libera improvvisazione cantata

La Terapia della Libera Improvvisazione nasce e si sviluppa intorno agli anni ’50-‘60 da Juliette Alvin, come un vero e proprio metodo musicale basato sull’atto creativo dell’ improvvisazione. Per questo si rivolge principalmente a coloro che hanno bisogno di sviluppare spontaneità, creatività, libertà d’espressione, senso d’identità e capacità interpersonali. Questa tecnica lavora sui blocchi fisici, emotivi ed intellettuali ed aiuta la Persona a creare modalità espressive alternate e intraprendere la comunicazione tra i diversi poli ed aspetti del sé, restituendo flessibilità ed estensione vocale, fisica ed espressiva e attivando il senso di benessere dell’individuo. Attraverso la Libera Improvvisazione Cantata, viene infatti, favorito un processo evolutivo di “autoliberazione” della Persona, che può abbandonarsi a quello che gli detta la propria identità sonora del momento, cantando liberamente in un contesto protetto privo di giudizio, con l’aiuto del terapeuta. Quest’ultimo si inserisce attraverso l’uso della voce o, se necessario di strumenti, per sostenere, guidare, stimolare e difendere gli sforzi espressivi della persona, alimentando così il processo di rilassamento ed evoluzione essenziale al raggiungimento del benessere del cliente.