Il Canto del Risveglio

Percorsi individuali

I percorsi musicoterapici individuali sono aperti a tutti coloro che desiderano prendere coscienza del proprio baricentro corporeo e del proprio essere fisico nella sua completezza.
Nella visione olistica e umano centrica in cui la Musicoterapia si inserisce, la Persona può vivere e risvegliare, grazie al canto e al respiro, le sue potenzialità, abitando e riscoprendo tutte le parti del corpo, traendone così il massimo beneficio psico-fisico ed emotivo.
Mentre in altre discipline olistiche il paziente riceve unicamente la “terapia” in maniera passiva dall’operatore, con la Musicoterapia invece si instaura uno scambio reciproco, ricettivo e attivo, che dona la possibilità al destinatario dell’intervento di auto-ridefinire il proprio stato di benessere sulla base degli strumenti e degli stimoli forniti dal Musicoterapeuta.
In questo senso, “auto-ridefinire il proprio stato di benessere” significa prendere in considerazione le proprietà terapeutiche del suono, inteso come un tornare in salute diventando sano e sonoro.
I percorsi musicoterapici individuali e collettivi si avvalgono delle tecniche derivanti dai metodi della Libera Improvvisazione Cantata, della Psicofonia e del Massaggio Sonoro.

Libera Improvvisazione Cantata

La Terapia della Libera Improvvisazione nasce e si sviluppa intorno agli anni ’50-‘60 da Juliette Alvin, come un vero e proprio metodo musicale basato sull’atto creativo dell’ improvvisazione.
Per questo si rivolge principalmente a coloro che hanno bisogno di sviluppare spontaneità, creatività, libertà d’espressione, senso d’identità e capacità interpersonali.
Questa tecnica lavora sui blocchi fisici, emotivi ed intellettuali ed aiuta la Persona a creare modalità espressive alternate e intraprendere la comunicazione tra i diversi poli ed aspetti del sé, restituendo flessibilità ed estensione vocale, fisica ed espressiva e attivando il senso di benessere dell’individuo.
Attraverso la Libera Improvvisazione Cantata, viene infatti, favorito un processo evolutivo di “autoliberazione” della Persona, che può abbandonarsi a quello che gli detta la propria identità sonora del momento, cantando liberamente in un contesto protetto privo di giudizio, con l’aiuto del terapeuta.
Quest’ultimo si inserisce attraverso l’uso della voce o, se necessario di strumenti, per sostenere, guidare, stimolare e difendere gli sforzi espressivi della persona, alimentando così il processo di rilassamento ed evoluzione essenziale al raggiungimento del benessere del cliente.

Tecniche di Psicofonia

La Psicofonia pone le sue fondamenta sugli studi di M. L. Aucher, la quale stabilì che l’essere umano risuona su sette ottave (in riferimento a quelle del pianoforte) e che la voce, per capire sé stessi, attraversa diversi territori ad esse corrispondenti e complementari: piedi, gambe, bacino, torace, testa, corona e bozzolo del cantante.
Obiettivo delle tecniche psicofonetiche è dunque quello di capire da dove proviene il suono della voce e da dove la parola prende spessore e vigore nel corpo.
La voce in questo senso, risulta utile sia per diagnosticare i sintomi del benessere o malessere di una persona, sia come la via in grado di ridonare armonia ed equilibrio alla stessa.
Poiché ogni essere umano sviluppa un proprio modello di voce, lavorare sulla corretta “posa” vocale rappresenta uno strumento efficace di riequilibrio, di prevenzione e di terapia.
Il percorso auto-sperimentale che propone la Psicofonia si pone dunque il fine di “risvegliare alla vita attraverso il canto”, riunendo sinergicamente a sé e armonizzando i vari piani dell’essere, da quello fisico a quello emozionale.
Riscoprire i luoghi abitativi della propria identità sonora e corporea aiuta la persona a risvegliare un ascolto e un “esserci” consapevoli ed autonomi.

Massaggio Sonoro

Il massaggio sonoro è una tecnica di rilassamento corporeo attraverso la vibrazione prodotta dal suono di strumenti ancestrali quali il didgeridoo, le campane tibetane, il tamburo o i carillon giapponesi.
Le vibrazioni prodotte da questi strumenti vengono indirizzate sul corpo della Persona in modo equilibrato e profondo,  intervenendo così in aiuto del suo stato psicofisico.
Il suono porta ad un stato di rilassamento e la frequenza di vibrazione entra in risonanza con la frequenza degli organi.
In questo modo il suono percepito attraverso l’orecchio, comincia ad arricchire la mente di immagini e la vibrazione sembra entrare e riscaldare i tessuti corporei.
Ricorrenti sono le sensazioni di leggerezza, di rilassamento mente e corpo, di emozioni interiori provate durante e subito dopo il trattamento.
Questo massaggio dinamizza il corpo dando una rinnovata energia, entra in risonanza con gli organi, attenua le tensioni fisiche e psichiche, aiuta ad ascoltarsi in profondità e di conseguenza stimola l’intuito e la creatività.